News

Alla 30esima settimana si ricopre di macchie rosse. Quando il medico la visita: “Non ho il coraggio di dirle la verità…”

Portare in grembo una vita è quanto di più bello possa capitare ad una donna, che aspetta questo momento con grande emozione. Ma a volte quello che rappresenta uno dei momenti più belli può trasformarsi in un autentico incubo.

E’ quanto accaduto ad una ragazza australiana, Summer Bostock, di 29 anni. La giovane, durante la sua gravidanza, ha cominciato a notare strane macchie bianche e pian piano si è resa conto che il suo corpo stava diventando allergico al feto che portava in grembo.

Dapprima Summer Bostock si è riempita di macchie rosse sulla pancia, in seguito le chiazze sono comparse anche sulla schiena e sulle gambe. Le macchie procuravano un grosso fastidio alla 29enne, tanto da causarle un forte prurito ed un intenso dolore. Per questo, Summer si è sottoposta a diversi test, al termine dei quali i medici le hanno diagnosticato l’eruzione polimorfica della gravidanza (PEP).

Fortunatamente la patologia è risultata innocua sia per la madre che per il bambino, ma ha causato moltissimi disagi a Summer nel corso dei mesi della gestazione.


“Il prurito era così intenso che non riuscivo a dormire – ha raccontato la 29enne al quotidiano “The Sun” – ho applicato creme e unguenti, ma nulla riusciva a lenire le mie sofferenze”.

Il tutto è sparito al momento del parto. Da precisare che nelle due precedenti gravidanze Summer non aveva avuto alcun disturbo.