News

È morto! “Il mondo ha perso un grande artista”

L’attore statunitense Brian Dennehy, protagonista nel 1977 del clamoroso debutto sul grande schermo con il film di Richard Brooks “In cerca di Mr. Goodbar” e consacrato con il successo interpretando lo sceriffo Will Teasle nel film “Rambo” (1982) che insegue ostinatamente il veterano del Vietnam John Rambo (Sylvester Stallone), è morto la scorsa notte nella sua casa nel Connecticut all’età di 81 anni. L’annuncio della scomparsa, come riferisce “The Hollydood Reporter”, è stato dato dalla figlia Elizabeth, precisando che è deceduto “per cause naturali, non legate a Covid”.

Loading...

“Il mondo ha perso un grande artista”. Sylvester Stallone piange la sua morte. Stanotte, Stallone ha postato sui suoi profili social un suo messaggio di cordoglio, accompagnato da una foto che lo ritrae con l’attore scomparso proprio su set di Rambo.
“Il grande attore Brian Dennehy è morto – ha scritto Stallone – Era semplicemente uno splendido interprete. Era anche un veterano del Vietnam che mi ha aiutato moltissimo a costruire il personaggio di Rambo”. Nel film “Rambo” (1982), il personaggio interpretato da Dennehy era infatti lo sceriffo che inseguiva ostinatamente il veterano del Vietnam John Rambo, interpretato da Sylvester Stallone.

Brian Dennehy è stato sposato dal 1959 al 1974 con Judith Scheff da cui ha avuto tre figlie: Elizabeth e Kathleen, entrambi attrici, e Deidre. Nel 1988 si è risposato con Jennifer Arnott; i due coniugi hanno adottato due bambini, Cormack e Sarah.

Dopo una lunga gavetta teatrale, esordì ormai trentenne in televisione, interpretando uomini duri, cattivi, di potere o corrotti. Ha recitato in telefilm come “Kojak”, con Telly Savalas e F. Murray Abraham, “Serpico”, “Mash” e “Lou Grant”. Dopo l’esordio cinematografico con “In cerca di Mr. Goodbar”, con Diane Keaton, Richard Gere, William Atherton, Tom Berenger e Tuesday Weld, Dennehy si divide tra piccolo e grande schermo. Passa da fiction come “Terrore a Lakewood” (1977) o serial come “Dallas” (1978) a film come “Gioco sleale” (1978) con Goldie Hawn, “F.I.S.T.” (1978) con Rod Steiger e Sylvester Stallone.

Mandatory Credit: Photo by ITV/Shutterstock (335281g)
Brian Dennehy
VARIOUS – 2001

Recita poi nei film “La corsa di Jericho” (1979) e “Bagliori di guerra” (1980) e nella serie tv Dynasty (1981). Dopo il successo nel ruolo dello sceriffo Will Teasle nella pellicola “Rambo” (1982) interpreta l’alieno nel film di fantascienza “Cocoon – L’energia dell’Universo” (1985) e nel suo sequel Cocoon – Il ritorno” (1988).

La sua filmografia comprende titoli come: “Silverado” (1985) con Kevin Kline e Kevin Costner, “Due volte nella vita” (1985) con Gene Hackman, “F/X” (1986) e il suo seguito “F/X2 – Replay di un omicidio” (1991), “Tutta colpa delle poste!” (1986) e “Pericolosamente insieme” (1986) con Robert Redford e Terence Stamp.

Sono tuttavia pochi i ruoli da protagonista nella carriera di Brian Dennehy: “Il ventre dell’architetto” (1987) di Peter Greenaway, “Best Seller” (1987), “Gli irriducibili” (1988) con John Malkovich, “L’orologiaio” (1989), “Punto d’impatto” (1990). Plurinominato agli Emmy Award per svariati parti televisive, sfiora quasi la statuetta con “Prova schiacciante” (1992).

Ha quindi recitato con Harrison Ford in “Presunto innocente” (1990), “I gladiatori della strada” (1992). La televisione lo vede nelle serie “Affari di cuore”, “Profeta del male”, “Appello finale”, la serie di pellicole tv su Jack Reed che lui firmerà anche come regista, “La crociera della paura”. Sul grande schermo appare in “Romeo + Giulietta di William Shakespeare” (1996) con Leonardo DiCaprio e Claire Daines, e “Codice di sicurezza” (1999).

Nel 1999 Dennehy è costretto a cancellare tre delle performance che doveva interpretare a Broadway dello spettacolo televisivo “Morte di un commesso viaggiatore” per un ricovero in ospedale per ipertensione. Nonostante questa disgraziata coincidenza, ha vinto un golden Globe e due Tony Awards come miglior attore per il dramma di Arthur Miller che per “Long Day’s Journey into Night”.

Uscito dall’ospedale torna a lavorare per tanti film, tra cui “A prova di errore” (2000) con Harvey Keitel, “Lo scandalo Enron” (2003), “Catastrofe a catena” (2004), “The Exonerated” (2005), con Susan Sarandon, “Il sogno di una estate” (2001), “L’ultima estate” (2002), “Lei mi odia” (2004) di Spike Lee, “10th & Wolf” (2006) con Dennis Hopper e “Sfida senza regole” (2008) con Al Pacino e Robert De Niro. Nel 2008 il regista Jon Avnet lo vuole al fianco di Robert De Niro e Al Pacino nel film d’azione “Sfida senza regole”. Tre anni dopo torna, diretto da Paul Haggis, nel drammatico “The Next Three Days”, interpretando il ruolo di George Brennan, e sempre nel 2011 è in “Un anno da leoni”.