News

Ho la febbre fatemi passare, ma è una truffa.

Voleva saltare la fila e la scusa “perfetta” gliel’ha servita la paura del coronavirus, in questi giorni in cui un banale colpo di tosse fa gelare il sangue nelle vene.

Loading...

Un’anziana signora di Alessano, in provincia di Lecce, è stata denunciata dai carabinieri per procurato allarme dopo che aveva finto di avere la febbre mentre era in fila per entrare al supermercato così da poter passare prima di tutti.

Davanti alla coda interminabile che si era formata per entrare al Sigma di via Cappuccini, mentre tutti i prossimi clienti erano in attesa a distanza di sicurezza con mascherine e guanti, la donna ha iniziato a tossire e a dire di stare poco bene a causa della febbre, chiedendo di poter passare.

Appena un mese fa, in una circostanza simile, chi non avrebbe aiutato la signora? Ma in questi tempi difficili, la reazione non è stata quella che l’anziana sperava di ottenere. Mentre fuori gli animi si agitavano, la voce di una persona febbricitante in attesa è arrivata anche all’interno del supermercato e il responsabile ha deciso di far intervenire i carabinieri, per tutelare i clienti e la struttura.

All’arrivo della pattuglia dei carabinieri, l’anziana ha dovuto ammettere, scusandosi, di aver finto tutto per poter superare la fila perché aveva fretta. Per chiarire meglio la situazione e avere la certezza, dopo la confessione della donna, i militari hanno contattato il medico di base dell’anziana per una visita urgente, il quale ha sbugiardato definitamente la 78enne: nessun sintomo, nemmeno una linea di febbre. La bugia è costata alla signora una denuncia per procurato allarme.