medicina

La notte va a dormire e la mattina si sveglia con un brufolo in fronte. Quando decide di scoppiarlo, non poteva immaginare che da li potesse accadere un’esplosione talmente forte da schizzare la telecamera. Preparatevi all’esplosione.

Forse è colpa dello stress da ufficio. O magari del barattolo di crema alla nocciola che abbiamo finito a cucchiaiate l’altro giorno. Insomma: perché escono i brufoli? La risposta al preoccupante interrogativo ce l’abbiamo sulla faccia: secondo l’antica medicina ayurvedica, infatti, ogni zona del viso corrisponde ad un organo, per cui, se soffre o è irritato, ne diventa la cartina di tornasole. Curiose di scoprire cosa vi sta dicendo la vostra acne? Ecco la face-map della medicina indiana, con il significato di ogni parte del volto:

BRUFOLI SULLA FRONTE – Secondo l’ayurveda quest’area è connessa all’apparato digerente. Per ostacolare la fuoriuscita dei brufoli bevete molta acqua e riducete il consumo di grassi, zuccheri, alcol e cibi raffinati.

BRUFOLI TRA LE SOPRACCIGLIA – Qui i brufoli stanno ad indicare che il fegato è oberato di lavoro e ha un disperato bisogno di pulizia. Quindi anche in questo caso il problema ha a che fare con la dieta: limitate l’assunzione di alcool, cibi grassi e latticini.

BRUFOLI SULLA GUANCIA SINISTRA – Se l’eruzione cutanea interessa spesso l’area “mancina”, collegata al fegato, la tradizione orientale consiglia di consumare cibi “freddi” o crudi che depurino l’organismo (melone, cetriolo, anguria).

BRUFOLI AI LATI DELLA BOCCA – È la zona in cui esprime il suo disagio il colon. Provate a ridurre tutti i cibi che lo irritano: caffé, carne rossa, zucchero bianco, lieviti, alcol.