Esteri

La moglie vola in cielo dopo una vita passata insieme: 60 anni dal giorno in cui si sono amati. Quello che fa lui davanti alla bara vi farà piangere.

Questa, signori, è forse la foto più bella e commovente in cui vi imbatterete oggi. E magari pure domani. L’ha scattata April Yurcevic Shepperd, una fotoreporter che ha poi raccontato su Facebook la storia di quest’uomo anziano che vedete accanto a una bara grigia. Quella è la bara di sua moglie, la donna con cui ha condiviso 60 anni di vita. Quell’uomo, spiega April nel post che ha fatto il giro del mondo, è stato il primo ad arrivare ed è rimasto accanto a lei per più di un’ora, sussurrando parole dolci. Ma ci fermiamo qui. Perché la fotoreporter che ha vissuto quel momento la racconta sicuramente meglio di noi perché lei, e non noi, è stata la “testimone di una storia d’amore”. Ma fa subito una precisazione: “Su richiesta di Bobby Moore e della sua famiglia, sto condividendo questa storia e la fotografia. Questa storia non è mai stata pensata per essere vista da nessuno. È stato scritta esclusivamente per affrontare il momento molto toccante che avevo appena vissuto. Mentre guardavo Bobby con sua moglie, sapevo di avere il privilegio di condividere un momento che trasmetteva un tanto. La famiglia Moore spera che la pubblicazione di questo pezzo garantisca la guarigione agli altri. (Continua dopo la foto)

Quindi la fotoreporter entra nel dettaglio: “Oggi ho visto un uomo, un uomo distrutto, che vegliava sul suo bene più prezioso. Ecco l’amore. Quando entrò nella stanza i suoi passi erano irregolari, ma la sua determinazione era imperterrita. I suoi occhi erano fissi sulla sua destinazione nella parte anteriore della stanza. Una bara di acciaio grigio era sotto le luci colorate. La metà del suo coperchio era aperta; la parte chiusa conteneva alcuni fiori vividi e nastri su cui si leggevano le parole ‘moglie’ e ‘madre’. Avvicinandosi e senza pausa – continua il racconto -, si chinò e le baciò le labbra, il suo corpo fragile e tremante. Sicuramente queste parole furono dette innumerevoli volte, ma questa volta fu avvolta da una ‘fine’: ‘So che non puoi sentirmi’, sussurrò, ‘Ma ti amo’. E le sue lacrime iniziarono a cadere”. (Continua dopo la foto)

April aggiunge che l’uomo era arrivato presto perché “non voleva sprecare queste ultime ore”. Quella donna era stata accanto a lui per oltre 60 anni “ma non era ancora abbastanza”. Ed è rimasto seduto lì per quasi un’ora: “Le accarezzò le mani. Era come se la stesse confortando, ma la verità era che si stava confortando – continua April – Non sembrava dargli fastidio che la sua pelle fosse fredda, il suo corpo rigido; né gli ha dato fastidio il fatto che non rispondesse alle parole che ha sussurrato. Quando la famiglia cominciò ad arrivare, era ancora lì seduto, tenendole la mano, accarezzandole i capelli. Per quasi cinque ore rimase nelle vicinanze, esausto”. (Continua dopo la foto)

L’autrice del post virale assicura di non aver mai visto “un uomo così spezzato, derubato della sua felicità dalla maledizione della morte”. Si è quindi chiesta cosa avrebbe fatto Bobby nei giorni seguenti: “Oggi è stata la parte facile. Oggi lei era ancora qui, distesa accanto a lui, capace di essere toccata, vista o baciata. Domani, dopo essere stata gettata nel profondo del terreno, e lui ritorna a casa loro, allora? Le sue cose saranno ancora lì. Come si fa a dormire da soli dopo 59 anni passati accanto alla tua migliore amica? Non riesco a immaginare come possa dormire di nuovo”, conclude. (Continua dopo la foto)