News

Lo ha annunciato nella sua ultima diretta alle Iene: Nadia Toffa dopo la malattia, un nuovo incubo per la giornalista.

Nadia Toffa, nella diretta di ieri, è stata protagonista delle Iene oltre che conduttrice. La bella Iena, infatti, ha rivelato di aver subito un colpo basso. Qualcuno ha pensato bene di sfruttare la sua popolarità a fini commerciali senza il suo consenso.

Nadia Toffa, le Iene e la truffa

La conduttrice de Le Iene, Nadia Toffa, è stata vittima di una truffa: ieri sera è andata in onda un servizio che coinvolge i personaggi del mondo dello spettacolo, testimonial a loro insaputa di prodotti. In passato, la Toffa si è ritrovata sui social come testimonial di Choco Lite: un prodotto che permette di dimagrire 30kg in solo 4 settimane. Inoltre, erano stati realizzati dei video che riprendevano alcune dichiarazioni della conduttrice nei quali la Toffa invitava ad acquistare il prodotto in questione. La Toffa, ovviamente, non aveva dato il consenso per essere testimonial di Choco Lite e tanto meno non ha mai acquistato prodotti di questa marca.

La truffa coinvolge altri vip

In questa nuova truffa sono stati coinvolti altri personaggi del mondo dello spettacolo: nel servizio mandato in onda domenica sera molti dei personaggi famosi hanno chiesto scusa ai fan per queste pubblicità ingannevoli le quali mirano principalmente a raggirare persone che, in buona fede, acquistano prodotti tecnologici di ultima generazione a prezzi scontatissimi e che poi difficilmente arrivavano a casa, perchè distribuiti con un ingannevole metodo piramidale.

In questa truffa sono stati coinvolti Ignazio Moser e la fidanzata Cecilia Rodríguez, la showgirl Francesca Cipriani, l’attore Marco Bocci e Valentina Vignali e non solo. Sono testimonial di un servizio di vendita di prodotti a prezzi stracciati che difficilmente arriveranno a destinazione a causa di un metodo piramidale che avvantaggia solo i primi partecipanti.

Tuttavia, molti dei personaggi famosi hanno dichiarato di non essere stati a conoscenza del raggiro commerciale. È una ‘truffa’ che si è diffusa negli ultimi anni e che continua ancora oggi a raggirare molte persone, con la promessa di acquistare oggetti molto cari a solo un terzo del loro reale valore.