Gossip

Sono pesanti le accuse della ex fidanzata del noto vip: “Mi ha costretta a rinunciare al nostro bambino per paura che potesse nascere ritardato”.

Dalle parole ai fatti. Un gruppo di ex annunciarono di volerlo denunciare per non essere state messe al corrente della sua sieropositività, e nel frattempo per Charlie Sheen è arrivata davvero la prima citazione in giudizio. A puntare il dito contro l’attore cinquantenne è Brett Rossi, al secolo Scottine Ross, ventiseienne modella e, soprattutto, una relazione turbolenta con il divo di “Platoon”.

APPROFONDIMENTI

La donna, insieme all’interprete per un anno, a partire dal 2013, periodo in cui cambiò addirittura il suo cognome in Sheen, ha fatto causa al terzogenito del mitico Martin per aggressione, negligenza e stress emotivo, rivelando di aver avuto rapporti non protetti con lui ignara del suo contagio da Hiv, di cui l’attore era invece a conoscenza dal 2011, per ben cinque volte, per poi, una volta informata del suo stato clinico, premunirsi attraverso la PrEp, una terapia preventiva antiretrovirale.

La Rossi, che non più tardi di tre giorni fa sul suo account Twitter aveva scritto di sentirsi “una sopravvissuta”, ha anche affermato di essere stata oggetto di aggressioni e di essere stata costretta da Sheen a perdere il bambino. Quest’ultima vicenda risalirebbe al marzo 2014 e, a sentire le parole della giovane, il mattatore di “Hot Shots!” l’avrebbe spinta ad interrompere la gravidanza per “non dare alla luce un figlio ritardato”.

Qualche mese più tardi, nel lasso di tempo compreso tra luglio e settembre, sempre stando al racconto della modella, l’interprete di “Alba rossa” avrebbe sospeso regolarmente l’assunzione del suo farmaco anti-HIV, arrivando inoltre a minacciare la ragazza con un’arma. Ma non basta: in un’altra occasione Sheen, che si sarebbe reso pure protagonista di un’aggressione ai danni di Jonathan Ross, attuale ex marito della sua allora compagna, avrebbe approcciato la fidanzata in maniera tanto selvaggia da farla sanguinare, evitando di fermarsi nonostante gli fosse stato richiesto più volte.

Accuse pesantissime, per cui, a quanto pare, la Rossi chiederà un maxi-risarcimento economico, per il momento ancora indeterminato, e da cui Sheen, che ha rifiutato di sottrarsi all’eventuale processo sistemando la faccenda con un bel pacco di milioni di dollari e ha sempre sostenuto di non aver taciuto a nessuna delle sue partner le proprie condizioni di salute, si è difeso attraverso il suo avvocato: “Ci stiamo attrezzando per affrontare la causa. Siamo fiduciosi che Charlie avrà la meglio e dimostrerà la sua innocenza”.