Benessere Coppia

“Rapporto An@le”: ma cosa pensano davvero tutte le donne di questa pratica? Abbiamo trovato la risposta che farebbe “Piacere” a molti uomini.

Quanto piace alle donne il rapporto an@le? E’ qualcosa che affascina e atterrisce allo stesso tempo. Croce e delizia di alcune coppie è comunque opinione comune che gli uomini ne siano attratti e che le donne lo evitino. C’è infatti una doppia morale nei confronti di questa specifica pratica. “Si fa ma non si dice” per lei e “si dice anche se non si fa” per lui.

Dati alla mano, un po’ di chiarezza non può che far bene! Qual’è la percentuale di donne che lo hanno fatto nella loro vita? E’ possibile per una donna raggiungere l’orgasmo in un rapporto an@le? Le donne lo vogliono veramente oppure cedono alla richiesta del partner?

I dati provenienti da indagini rappresentative a livello nazionale degli Stati Uniti indicano infatti un incremento nei rapporti etero. Poco più di un terzo delle donne di età compresa tra i 25 e i 44 anni hanno avuto almeno un rapporto an@le con un uomo. Circa un quinto di loro ha dichiarato di averlo fatto durante lo scorso anno. Questi numeri, se paragonati ai dati degli anni ’90, evidenziano un netto incremento di tale pratica.

Benché un certo modo di pensare ritenga che per una donna il rapporto an@le non sia piacevole e non lo scelga volontariamente, gli studi suggeriscono che a molte donne in realtà piace e come. Un piacere che può portare all’org@smo! Fisiologiacamente le contrazioni org@smiche coinvolgono sia i muscoli v@ginali sia quelli an@li.

Dall’indagine emerge dunque come la capacità di avere rapporti maggiormente gratificanti non sia dovuta al solo rapporto an@le quanto piuttosto alla varietà di rapporti che si hanno. La sperimentazione sembra essere l’arma vincente. Naturalmente, è importante sottolineare che non tutte le donne trovano piacere nel farlo. Alcune riferiscono di un’esperienza dolorosa.

Tuttavia, una possibile spiegazione del motivo per cui molte non lo trovano piacevole potrebbe avere a che fare con l’inesperienza. Alcune infatti riportavano di un’esperienza non pianificata e fatta senza una adeguata lubrificazione. A differenza della v@gina, l’@no non è auto-lubrificante e tentando di avere un rapporto senza un’adeguata lubrificante si corre il rischio di avvertire dolore.

Talvolta di provocare possibili lacerazioni rettali. Infine circa la volontarietà dell’atto almeno nell’indagine emerge un quandro alquanto ambivalente. Infatti ci sono state donne che hanno riferito di essere state costrette a farlo dal loro partner. Altre invece hanno riportato di gradirlo come pratica, tanto che lo chiedono e lo attuano anche da sole.