Cronaca

Rozzano: “É stato scoperto il movente”.

Sono E.S., 35 anni e A.L., 26 anni, entrambi di Rozzano con origini partenopee, i responsabili dell’omi©idio di A.C. 63 anni, freddato l’altro ieri pomeriggio, poco prima delle 18, alla fine di via Venezia, vicino al parco giochi di fianco al supermercato.

Loading...

Quello del killær è un nome noto in città, già conosciuto alle forze dell’ordine per traffici di dr©ga. Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato lui a sp@rare all’uomo, ex suocero, perché ritenuto responsabile di molæstie su una minore. In effetti, A.C. era indagato dalla Procura di Milano per presunti @busi se**uali su una bimba di pochi anni.

Alla guida dello scooter ci sarebbe stato invece A.L. che si è dato alla fuga dopo l’esecuzione, compiuta davanti agli occhi di bambini. Il pm Monia di Marco si è recato nella caserma dei carabinieri di Rozzano per procedere con l’interrogatorio dei due uomini.

Terminato l’interrogatorio, E.S.e A.L. sono stati accolti dall’applauso di una decina di persone che li attendevano fuori dalla caserma, tutti loro parenti secondo quanto riferito. Piumino nero l’uno e marrone l’altro, sono usciti in manette dopo un interrogatorio di diverse ore in cui hanno risposto alle domande degli inquirenti, senza però fornire indicazioni per individuare la pist©la usata per l’omi©idio.