Cronaca

*** Ultima Ora *** Crollo di due edifici a Marsiglia. Potrebbe esserci una 30enne italiana li sotto.

Ci sarebbe anche una ragazza italiana sotto le macerie dei due palazzi crollati lunedì mattina a Marsiglia: quanto si legge sui media francesi. Si tratterebbe di Simona Carpignano, trentenne di Taranto. Secondo il ministero dell’Interno francese, Christophe Castaner, il disastro potrebbe aver provocato “tra le cinque e le otto vittime”. Il corpo di un uomo è già stato trovato sotto alle macerie. Non è ancora chiaro se il cadavere ritrovato dai soccorritori che continuano a lavorare senza sosta corrisponda ad una delle persone citate da Castaner. (Continua a leggere subito dopo la foto)

Il crollo dei due edifici a Marsiglia

I fatti sono avvenuti ieri mattina intorno alle 9.15. I media francesi hanno puntato il dito sul maltempo degli ultimi giorni, che avrebbe reso più vulnerabili le strutture, già fatiscenti, del quartiere Noailles, cuore della città. Uno dei due edifici – entrambi di 4-5 piani – era stato dichiarato inagibile un paio di settimane fa. Nell’altro, invece, che gli era adiacente, vivevano una decina di famiglie. (Continua a leggere subito dopo la foto)

Sabine Bernasconi, sindaca del primo e settimo arrondissement della città, ha detto che il municipio aveva vietato la presenza di persone nei palazzi crollati, perché “vecchi e pericolanti”. I vigili del fuoco di Marsiglia hanno proceduto alla demolizione controllata di una terza palazzina fatiscente in centro città, adiacente agli altri due edifici crollati: era altrettanto pericolante e rischiava a sua volta di crollare ad ogni momento. (Continua a leggere subito dopo la foto)

Chi è la ragazza italiana

Studentessa laureata, Simona Carpignano, 30 anni, è originaria di Taranto. Dopo essersi diplomata alla scuola “Aristosseno”, si è laureata e successivamente ha deciso di trasferirsi in Francia. Recentemente si era stabilita a Marsiglia, con l’obiettivo di prendere un master in economia sociale. Già nella giornata di ieri, su Facebook era stato diffuso un messaggio d’allerta da parte di alcuni conoscenti della ragazza. Nei pressi del luogo del disastro, il cameriere di un bar, visibilmente emozionato, ha affermato di conoscere bene Simona. “Era una ragazza geniale, studiava da noi”, ha detto ad un cronista presente sul posto. (Continua a leggere subito dopo la foto)