News

VERONICA LARIO IRRICONOSCIBILE: COME SI È RIDOTTA OGGI

Un tempo era una attrice bellissima, capace di rubare il cuore a Silvio Berlusconi. Da allora la vita di Veronica Lario è cambiata, ed anche lei.

Qualche anno fa Veronica Lario aveva suscitato delle polemiche alquanto accese per gli emolumenti derivanti dalla fine del suo matrimonio con Silvio Berlusconi. L’ex premier fu costretto a cedere alla donna una cifra di mantenimento pari allo stipendio da ‘top player’ di una squadra di calcio, prima che una nuova sentenza del giudice cambiasse i termini dell’accordo. La Lario è nota per la sua avvenenza e per le diverse apparizioni avvenute a partire dall’inizio degli anni ’80. Il suo vero nome è Miriam Raffaella Bartolini, e lei ha abbandonato le scene quando ha convolato a (ai tempi) giuste nozze con Berlusconi. Le prime esperienze da attrici sono comunque antecedenti agli albori degli anni ’80 e risalgono ad opere quali ‘La vedova ed il lavapiatti’ e ‘Bel Ami’, due film realizzati per la televisione. Poi la vediamo del tutto senza veli in ‘Il magnifico cornuto’ di Fernand Crommelynck, un’opera teatrale del 1979 nella quale Veronica Lario ricopriva il ruolo di co-protagonista. Ed il suo personaggio per l’appunto fu costretto a spogliarsi completamente in certe scene.

Veronica Lario, dopo di lei è arrivata la più giovane Francesca Pascale
Dall’unione con Berlusconi sono nati i tre figli Barbara, Eleonora e Luigi. Lei stessa ha ammesso di aver rinunciato alla carriera alquanto promettente di attrice per badare ai tre figli. Una affermazione che però i legali di Berlusconi hanno sfruttato nella procedura di divorzio per fare annullare l’assegno cospicuo da 1,3 milioni mensili per il mantenimento.


Adesso Berlusconi è fidanzato con Francesca Pascale, e questo già dal 2011. La 34enne napoletana ha parlato di lui giusto un mese fa, svelando un clamoroso retroscena su quello che accadrà. Nel frattempo proprio Berlusconi è stato ricoverato in ospedale un paio di giorni fa. La causa è stata una occlusione intestinale.